“OLTRE” la bellezza con Santa Chiara di Andi Kacziba

AndiKaczibaSantaChiara2016affrescoSanta ChiaraMuseoGardaIvrea@FotoMarinoIvrea Copia

“OLTRE” la bellezza con Santa Chiara di Andi Kacziba

AndiKacziba@SimoneAngarano2016_2Milano, 8 marzo 2016 – CRAMUM e Ama Nutri Cresci celebrano la festa delle donne presentando Santa Chiara, l’opera inedita di Andi Kacziba, all’interno della mostra OLTRE al Museo Civico Pier Alessandro Garda di Ivrea.

Come ricorda il curatore della mostra: “al di là del simbolo cristiano Santa Chiara è metafora delle donne che hanno il coraggio di cercare la propria strada, contando solo sulla forza delle proprie idee e convinzioni. Andi Kacziba si muove in tale direzione: dopo aver ritratto a lungo donne in attesa di un deus ex machina o di un principe azzurro che le salvi – Altare della Sterilità (2014) e Santa Veronica (2015) – con Santa Chiara parla di donne che sono riuscite ad andare “oltre” i vincoli e le convenzioni imposte dalla società: cos’è il successo di una donna? La bellezza e una famiglia a tutti i costi?”.
Andi Kacziba,Santa Chiara, 2016(retro)@FotoMarinoIvreaAndi Kacziba parlando di Santa Chiara e della sua opera di corda, cemento, ceramica e ferro, aggiunge “800 anni fa Santa Chiara ha avuto il coraggio di essere semplicemente se stessa: ha rinunciato alla propria ricchezza, bellezza, ha fatto scelte coraggiose ed è andata controcorrente. Molti non l’hanno capita, anzi l’hanno emarginata, ma alla fine anche Papa Gregorio IX ha riconosciuto il valore delle sue idee ed accettato il nuovo Ordine (clarisse) da lei fondato. Io come (santa) Chiara Scifi ho deciso di provare ad essere semplicemente me stessa, cercando di piacere in primo luogo a me. Non è stato facile decidere di rinunciare ai riflettori della moda per essere una scultrice, ma alla fine ho compreso che non si trattava di una rinuncia, ma gli ho dato le spalle, ciò che conta è altro: una modella soddisfa un canone estetico imposto da altri, una donna di cultura, un’artista ha il privilegio unico di contribuire a creare un proprio canone, non solo estetico”.
La mostra è resa possibile grazie alla collaborazione con l’associazione cramum, fautrice del progetto OLTRE, il Museo Garda, il Comune di Ivrea e la Fondazione Guelpa.
La mostra che ospita oltre a Santa Chiara 55 opere di 15 artisti di fama internazionale rimarrà aperta fino al 29 aprile 2016.