19° Consiglio: Chi è siero positivo (HIV) può avere un figlio sano?

Aids Fgp Anc Copertina1

19° Consiglio: Chi è siero positivo (HIV) può avere un figlio sano?

Le malattie sessualmente trasmesse sono la principale causa di infertilità. L”HIV è una malattia sessualmente trasmissibile ed è una delle infezioni più pericolose, non solo per la “fertilità”. HIV non è sinonimo di AIDS: HIV è il nome del virus (è l’acronimo di Human Immunodeficiency Virus) mentre AIDS indica la malattia del sistema immunitario umano causata dal virus HIV.

Ma chi è siero positivo per l’HIV può avere figli sani?

 
Ne parliamo con la dott.sa V. Savasi (scopri chi è) – Ospedale Luigi Sacco di Milano (scopri il Centro)

Revisione Editoriale: S.M. Frassà (scopri chi è)

Combattere l’infezione da HIV rappresenta uno dei goal  stabiliti dall’ ONU per i prossimi dieci anni.  Questo perché, malgrado negli ultimi 20 anni la ricerca ha cambiato completamente  la storia naturale di questa malattia, lo scenario mondiale rimane preoccupante. Alcuni dati significativi (UNAIDS: AIDS Epidemic update, 2012) mostrano chiaramente le dimensioni del problema.

Ogni giorno: Nuove infezioni da HIV nel 2012

• 6.800 nuove infezioni

• 1.000 bambini muoiono

• 1 uomo muore di AIDS ogni 15 secondi

Numero di persone con HIV nel mondo nel 2012

• Adulti 31.3 milioni

• Donne 15.7 milioni

• Bambini sotto i 15 anni 3 milioni

 

Cosa si intende per malattie a trasmissione sessuale? Tutte le malattie che possono essere trasmesse prevalentemente tramite rapporti sessuali.

 

Come si prevengono le malattie sessualmente trasmissibili? Il miglior modo per prevenirle è utilizzare il preservativo.

 

Quali malattie hanno un impatto importante sulla riproduzione umana? Le infezioni piu’ influenti sulla riproduzione umana sono quelle causata dai virus HIV (AIDS), HCV (epatite) , da batteri quali Micoplasma e Clamydia e  Gonococco. Data la rilevanza dell’HIV (AIDS) abbiamo deciso di approfondire in due articoli diversi.
Virus HIV-1 Le profonde trasformazioni nel profilo della infezione da HIV (effetto dell’ introduzione delle terapie antiretrovirali altamente efficaci) hanno riportato al centro della vita dei pazienti desideri e aspettative di qualità impensabili fino a qualche anno fa: tra questi il desiderio di genitorialità. Al tempo stesso  i successi terapeutici hanno dato una falsa percezione del contagio da HIV come di un problema ormai superato, determinando un mutamento della diffusione della infezione non più confinata a gruppi sociali a rischio.

La corretta risposta medica a questa domanda cosciente della coppia si basa su tre tappe inscindibili:

  1. una valutazione infettivologica che confermi la stabilità dello stato di controllo della infezione per regime terapeutico, compliance del paziente, assenza di fenomeni di resistenza non altrimenti superabili,
  2. una valutazione del profilo di fertilità della coppia che consenta di scegliere la strategia riproduttiva più efficace,
  3. la disponibilità di strutture adeguate e dedicate per risorse materiali e professionali che consentano di  fornire alla coppia il regime terapeutico migliore.

UN FIGLIO E’ UN DIRITTO A QUALSIASI COSTO? PARLANE CON NOI IL 13 MAGGIO

Scenari assistenziali nelle coppie con infezioni da HIV

Maschio HIV-1 positivo e donna non infetta

Come prevedibile dai dati epidemiologici nella maggior parte delle coppie sono sierodiscordanti per infezione maschile. Quando i criteri di accetabilità infettivologici    sono soddisfatti e il profilo di fertilità di coppia è normale, il trattamento tipico si basa sulla possibilità di eliminare il virus dal seme mediante trattamento in laboratorio, il seme lavato viene controllato con tecniche di biologia molecolare standard per la esclusione della presenza di DNA virale e viene eseguita una inseminazione endouterina, la più semplice ed efficace tra le tecniche di riproduzione medicalmente assistita.  L’inquadramento del profilo di fertilità di coppia porta a riscontrare, in una percentuale analoga o superiore a quella della popolazione senza problematiche infettivologiche, condizioni di sterilità o subfertilità cioè almeno in due coppie su dieci. In questi casi le terapie di riproduzione medicalmente assistita sono del tutto simili a quelle fornite a coppie infertili salvo che il particolare trattamento appunto di lavaggio del liquido seminale.

Donna HIV-1 positiva e maschio non infetto

Il problema centrale per la gravidanza in coppie sierodiscordanti per infezione femminile è il rischio di trasmissione al neonato della infezione. Il rischio biologico di infezione osservato agli inizi della infezione da HIV, in assenza di alcun presidio terapeutico era stata stimata intorno al 20%. Il trattamento farmacologico in gravidanza per il controllo della replicazione virale, il parto cesareo elettivo e la profilassi breve neonatale hanno ridotto le possibilità d’infezione da madre HIV positiva al figlio a circa l’1%. Questo rischio è addirittura inferiore al rischio a priori del 2,3%  di  patologie connatali per la specie umana, è di molto inferiore a quello di gravi complicanze perinatali associate ad altre patologie croniche come le immunopatie, il diabete insulino dipendente, le trombofilie congenite associate.

In funzione del desiderio di gravidanza sarà opportuno modificare eventualmente il profilo terapeutico per allontanare farmaci potenzialmente nocivi alla gestazione

Il concepimento si realizza facilmente se la coppia è fertile, sono infatti sufficienti autoinseminazioni domiciliari che evitano il contatto sessuale, potenziale fonte di contagio. Assistenzialmente semplici sono ovviamente le procedure di inseminazione endouterina, non richiedendo neppure il lavaggio dello sperma.L’allattamento al seno è sconsigliato perché costituisce una potenziale fonte di contagio post-natale.

Entrambi i soggetti  HIV positivi

Nelle coppie in cui entrambi i partner sono sieropositivi è possibile, se hanno sempre rapporti protetti, che i due partner siano infettati da ceppi virali con differenti mutazioni. La sovrainfezione può determinare fenomeni di resistenza che devono essere prudenzialmente evitati. Anche in questi casi è opportuna l’eliminazione di leucociti dal plasma seminale mediante trattamento seminale in laboratorio (come per le coppie discordanti) per evitare la trasmissione di un ceppo mutato con maggiori rischi, sia per la donna, sia per il concepito. Le coppie stabili, sierodiscordanti o sieroconcordanti, che desiderano un figlio devono essere indotti a riflettere sul significato del loro progetto di diventare genitori anche di fronte ad un’infezione che può essere controllata, ma non debellata.

Lo scopo principale dell’assistenza riproduttiva è accertare l’assenza di ostacoli al concepimento, ridurre il rischio di contagio per il partner non infetto, il rischio di trasmissione di virus mutato nelle coppie di partner entrambi infetti ed il rischio di trasmissione verticale.

dott.sa V. Savasi (scopri chi è) – Ospedale Luigi Sacco di Milano (scopri il Centro)

Questo articolo continua le puntate dedicate da “ama nutri cresci” all’impatto delle malattie sessualmente trasmissibili sulla fertilità maschile e femminile. Dopo Papilloma virus e “HIV-AIDS”, seguirà “Epatite e altre malattie sessualmente trasmissibili