Antonio Simone Laganà

AntonioSimoneLaganà1

Antonio Simone Laganà

“Medico in Formazione Specialistica in Ginecologia ed Ostetricia presso l’Ospedale “Gaetano Martino” di Messina”

Nato a Reggio Calabria l’8/5/1986. Si forma nel Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Messina, dove frequenta come Studente Interno il Dipartimento di Biomorfologia e Biotecnologie (sotto la supervisione del Prof. Domenico Puzzolo), il Dipartimento di Farmacologia Clinica e Sperimentale (sotto la supervisione del Prof. Edoardo Spina), il Dipartimento di Protezionistica Ambientale (sotto la supervisione della Prof.ssa Vincenza Sofo e Dr.ssa Francesca Maria Salmeri) ed infine il Dipartimento di Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Medicina della Riproduzione (sotto la supervisione dei Prof.ri Emanuele Sturlese e Giovanni Retto). Nel 2009 viene selezionato fra i 6 migliori studenti della Facoltà di Medicina e Chirurgia di Messina e vince una borsa di studio per frequentare il Dipartimento di Radiologia Interventistica della Virginia Commonwealth University (Richmond, Virginia – USA) dove studia la tecnica di chemioembolizzazione dei fibromi uterini, sotto la supervisione della Prof.ssa Uma Prasad. Sviluppa la sua tesi intitolata “Endometriosi pelvica, diagnosi e terapia laparoscopica” presso l’U.O.C. di Ginecologia ed Ostetricia di Messina, diretta dal prof. Onofrio Triolo, ed ottiene la Laurea in Medicina e Chirurgia col massimo dei voti. Dopo la laurea effettua uno stage presso il Dipartimento di Ginecologia ed Ostetricia del “Klinicky Centar” (Belgrade – Serbia) sotto la supervisione del Prof. Milan Terzic. Nel 2011 si abilita all’esercizio della Professione Medico-Chirurgica e si iscrive all’Albo dei Medici di Reggio Calabria, e successivamente vince il concorso di accesso alla Scuola di Specializzazione in Ginecologia ed Ostetricia dell’Università degli Studi di Messina (Direttore Prof. Alfredo Mancuso). Nel 2012 presenta il disegno di studio “May analysis of Th1, Th2, Th17 and Treg cells in peripheral blood of women with early pregnancy (11-13 weeks) be predictive of risk of developing fetal intrauterine growth restriction?” e vince un premio come migliore proposta di ricerca al Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Perinatale. Dal 2012 è inoltre “In-Training Member” della Society for Gynecologic Investigation (Mentore Prof. Serdar Bulun). Attualmente sta sviluppando un programma di ricerca focalizzato sull’Endometriosi e sull’Immunologia della Riproduzione, sotto la supervisione del Prof.ri Vincenza Sofo, Francesca Maria Salmeri, Emanuele Sturlese, Giovanni Retto, presso l’Università degli Studi di Messina. Autore e coautore di pubblicazioni su riviste scientifiche nazionali e internazionali.