Le foto di Emiliano Biondelli raccontano la mostra LIMITI-CONFINI

Fullsizeoutput 4f

Le foto di Emiliano Biondelli raccontano la mostra LIMITI-CONFINI

Emiliano Biondelli, cofondatore del progetto editoriale blisterZine, che da anni collabora con CRAMUM ha voluto dedicare un racconto fotografico della mostra LIMITI-CONFINI curata da Sabino Maria Frassà per CRAMUM al Grande Museo del Duomo di Milano. In mostra 21 artisti: Magdalena Abakanowicz, Zolt Asta, Alessio Barchitta, Ivan Barlafante, Carlo Benvenuto, Alessandro Boezio,  Francesco Casolari, Matteo Fato, Andrea Fiorino, Daniele Fissore, Ivan Grubanov, Marco La Rocca, H.H. Lim, Franco Mazzucchelli, Dario Picariello, Pamela Pintus, Francesca Piovesan, Diego Randazzo, Daniele Salvalai, Sally Viganò.

La mostra che indagava il ruolo e la natura dei limiti e confini nella società occidentale contemporanea, si sviluppava intorno a tre tematiche: Cercando Oltre, Sul Confine, Non siamo soli.

 

EMILIANO BIONDELLI – Nato a Ravenna nel 1976, è fotografo dal 2004 e si dedica in particolare alla ricerca sul linguaggio della fotografia stessa, utilizzando spesso sia immagini proprie che immagini “rubate” realizzate da altri autori. Il media preferenziale per i suoi progetti artistici è il libro, collabora al progetto NASTYANSTY© con Valentina Venturi dal 2008 e dal 2009 ha avviato un progetto editoriale che si chiama blisterZine.

Con CRAMUM e Sabino Maria Frassà ha realizzato la collana OLTRE edita Editrice Quinlan e i volumi della collana “La scultura e i suoi temi” del Comune di Milano e a cura di Maria Fratelli dedicati alle mostra CRAMUM (curate da Sabino Maria Frassà) allo Studio Museo Francesco Messina.

Leave a Reply