Problemi alla tiroide? Causano il 10% dell’infertilità femminile

TIROIDE

Problemi alla tiroide? Causano il 10% dell’infertilità femminile

LEGGI I 25 CONSIGLI PER CHI NON RIESCE AD AVERE UN FIGLIO

TIROIDE, FERTILITA’ E GRAVIDANZA: molti studi mostrano come una percentuale significativa (circa il 10%) di donne con problemi di riproduzione abbiano disfunzioni tiroidee. Prima di pianificare una gravidanza è consigliabile valutare se controllare la funzione tiroidea. Ciò è indicato soprattutto in caso problemi simili in famiglia, patologie pregresse/autoimmuni, obesità o pregressa esposizione a radiazioni. Ne parla il dottor Lanzi con Molgora, Perticone. Revisione S.M. Frassà



Gli ormoni della tiroide (T3 e T4), tra le tante funzioni, svolgono un ruolo importante nella regolazione della fertilità. Prima di pianificare una gravidanza è consigliabile controllare la funzione tiroidea in presenza di particolari condizioni quali: storia familiare o personale di malattie della tiroide, pregressa esposizione a radiazioni nella regione del collo, obesità grave (indice di massa corporea ³ 40), malattie autoimmuni concomitanti (artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico, diabete mellito tipo 1, ecc.), trattamento attuale o pregresso con farmaci antiaritmici (amiodarone) o stabilizzanti dell’umore (litio), poliabortività, precedente parto pretermine, ricerca di una gravidanza protratta senza successo per oltre 12 mesi (1). 

Non è attualmente indicato estendere il controllo della funzione tiroidea a ogni donna alla ricerca di gravidanza (1). Di contro tale controllo rientra nella valutazione di primo livello per le coppie che approcciano per la prima volta un centro di procreazione medicalmente assistita. Molti sono infatti gli studi che mostrano come una percentuale variabile (circa il 10%) di donne con problemi di riproduzione abbiano disfunzioni tiroidee. 

SCRIVICI PER RICEVERE I CONSIGLI se non riesci ad avere un figlio 

 

QUINDI SE HO UN PROBLEMA ALLA TIROIDE, LA MIA FERTILITA’ E ‘ COMPROMESSA?

Le disfunzioni tiroidee (ipotiroidismo e ipertiroidismo), se non correttamente trattate, possono provocare alterazioni del ciclo mestruale e dell’ovulazione, riducendo quindi le probabilità di concepimento (2). Le donne affette da una malattia della tiroide, in previsione di una gravidanza, devono quindi rivolgersi al proprio endocrinologo, che indicherà l’esecuzione di eventuali esami di controllo e si assicurerà che la terapia in corso sia adeguata.

Il controllo della funzione tiroidea consentirà alla donna di intraprendere la ricerca di una gravidanza in sicurezza e con serenità. Molti studi infatti mostrano come le patologie tiroidee, se trattate, non compromettono la capacità riproduttiva della donna.

 

NON SI SA: Se ci sono molte evidenze relative alla correlazione tra problemi alla tiroide ed infertilità nella donna, molte meno sono le evidenze riguardo all’uomo. (3)

 Problemi Maschili? Dieta della fertilità

  1. Stagnaro-Green A et Al. Guidelines of the American Thyroid Association for the diagnosis and management of thyroid disease during pregnancy and postpartum. Thyroid 2011. 21 (10): 1081-1125.
  2. Kakuno Y et Al. Menstrual disturbances in various thyroid diseases. Endocr J 2010. 57 (12): 1017-1022.
  3. Thyroid Function and Human Reproductive Health G. E. Krassas, K. Poppe, and D. Glinoer, 2010

Dr. Roberto Lanzi, endocrinologo ; Dr.ssa Michela Molgora, ginecologa; Dr.ssa Francesca Perticone, endocrinologa

 Ambulatorio di Endocrinologia Ginecologica - Centro Scienze della Natalità - Ospedale San Raffaele, Milano