BANDO CRAMUM 2018 PER GIOVANI ARTISTI

Isabella 96 Img 203 700x300

BANDO CRAMUM 2018 PER GIOVANI ARTISTI

La 6^ edizione del Premio CRAMUM (2018) è promossa e resa possibile grazie alla collaborazione della Fondazione Cure Onlus – patron del premio – con il Comune di Varedo e con la Fondazione Versiera 1718, rappresentati nella Giuria dall’architetto Isabella Maffeis. Il Premio ha già ottenuto numerosi patrocini tra cui: Veneranda Fabbrica del Duomo, Consolato di Polonia in Italia, Istituto Confucio Università degli Studi di Milano, Ama Nutri Cresci, Associazione FAS e quello dello Studio Museo Francesco Messina.

BANDO PREMIO CRAMUM 2018

La rivoluzione silenziosa annunciata dal direttore artistico ha coinvolto tutto il Premio, rinnovandolo senza stravolgerne il senso, anche alla luce del consenso raccolto nelle scorse edizioni e dei successi raggiunti dai passati vincitori: da Francesca Piovesan appena selezionata alla Biennale di Palermo e con una personale in arrivo a maggio al Gaggenau Design Elementi HUB di Milano a Matteo Fato che chiuderà un fortunatissimo 2018 con una grande mostra al Museo Francesco Messina di Milano.

Il Direttore Sabino Maria Frassà spiega così la nuova edizione del Premio Cramum, sempre più simile a un Talent Program: “Dopo 50 anni di rivoluzioni più o meno mancate e in una società in cui 15 secondi di celebrità non si negano a nessuno, il riuscire a portare avanti nel tempo ciò in cui si crede è la vera sfida. Resistere, non urlare, è quindi la vera rivoluzione oggi, altrimenti si cambia tutto per non cambiare nulla. “Cramum”è una parola latina che significa “la parte migliore” e il resistere è oggi una qualità imprescindibile per il successo. Proprio perché ciò non è facile, si deve lavorare tutti insieme per creare strumenti e opportunità – anche in ambito culturale e artistico – per far crescere e sviluppare pienamente il potenziale dei più giovani”.

Nell’ottica di meglio supportare il processo di crescita degli artisti CRAMUM ha coinvolto Ventura Projects, protagonista indiscusso del design a Milano. La Project Manager di Ventura Projects – Fulvia Ramogida – entra in giuria, annunciando un premio speciale, il cui contenuto verrà svelato soltanto nei prossimi mesi. Fulvia Ramogida motiva così la scelta di aderire al Premio CRAMUM: “Ventura Projects lavora da sempre per portare a Milano suggestioni e nuove idee provenienti dal mondo dell’arte contemporanea. Promuovere il talento, la creatività e la capacità dei giovani di attivare idee e connessioni è una parte importante del nostro lavoro e della stessa identità di “Ventura”. Per tale ragione e reduci dal successo dell’installazione di Franco Mazzucchelli “SALVAMI | ANDATA – RITORNO”, abbiamo accolto con entusiasmo la possibilità di prolungare e sviluppare ulteriormente la collaborazione con CRAMUM”.


IN SINTESI TUTTI I DETTAGLI DELLA NUOVA EDIZIONE

6° PREMIO CRAMUM
Premiazione e Mostra finale: Villa Bagatti Valsecchi di Varedo
Premiazione: 15 settembre 2018
Mostra aperta dal 16 al 30 settembre 2018
Bando aperto dal 19 aprile al 10 giugno – LINK

Patron: Fondazione Cure Onlus
Co-promotori e organizzatori: Comune di Varedo e Fondazione Versiera 1718
Patrocinanti: Veneranda Fabbrica del Duomo, Consolato di Polonia in Italia, Istituto Confucio Università degli Studi di Milano, Ama Nutri Cresci, Associazione FAS, Ventura Projects e quello dello Studio Museo Francesco Messina.

Direttore Artistico: Sabino Maria Frassà

Membri del Comitato Scientifico: Ettore Buganza, Leonardo Capano, Cristiana Campanini, Anna d’Ambrosio, Camilla Delpero, Maria Fratelli, Raffaella Ferrari, Rose Ghezzi, Giuseppe Iannaccone, Angela Madesani, Isabella Maffeis, Emanuele Magri, Michela Moro, Rischa Paterlini, Alberto Puricelli, Iolanda Ratti, Fulvia Ramogida, Michela Rizzo, Donatella Ronchi, Mario Francesco Simeone, Alba Solaro, Luca Tommasi, Massimiliano Tonelli, Carlotta Gaia Tosoni, Nicla Vassallo, Giorgio Zanchetti

Artisti fuori concorso: Ivan Barlafante, Davide Boriani, Alberto di Fabio, Dae Sung Lee, Giulia Manfredi, Franco Mazzucchelli, Marcello Morandini, Francesca Piovesan, Zheng Rong e Maria Wasilewska